Canzone #05 – Canzone a Progetto

Il precariato delle nostre vite ci accomuna. Un canzone che raccoglie esperienze che abbiamo vissuto tutti. Colloqui epici in aziende nobili, laureati che si inventano salamellari fuori dalle discoteche per pagare la bolletta.

Chi non si è mai sentito porgere quelle domande stronze tipiche dei colloqui? “Tra cinque anni dove si vede? Perché ha studiato questa cosa? Mi dica tre suoi pregi e tre difetti”

Io il massimo l’ho raggiunto quel giorno in cui mi chiesero: “Sì, insomma, ci chiedevamo che cosa vuole fare da grande”. Non ho resistito e ho risposto prontamente: “Glielo dirò quando sarò grande”. Non mi richiamarono più.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...